Bolivia 2017 - Diario di bordo

Bolivia 2017 Diario di bordo

Nell'inverno del 2014, su invito di una famiglia codroipese, il nostro parroco don Ivan partiva per la Bolivia, per un'esperienza di conoscenza e di scambio. Fu un'esperienza ricca sotto molti punti di vista, umano innanzitutto, spirituale e culturale. Da subito si è creato un ponte di relazioni importanti che hanno portato le Suore Rosarie (che in Bolivia sono una presenza forte e significativa) ad aprire una casa qui in Parrocchia e a mantenere vivo il legame con la terra boliviana, questo anche grazie alla speciale presenza di suor Brigida che alla Bolivia deve i suoi natali.
Su questo ponte sono saliti ora sei giovani che, accompagnati da don Daniele, vivranno tre settimane che li porterà dalle terre rigogliose di Santa Fé, confinanti con la foresta tropicale, alle brulle alture di Cochabamba da cui partiranno per arrivare ai 4.500 metri dei villaggi più remoti.
In questa sezione del sito saranno postate in tempo reale immagini e riflessioni che permetteranno anche a noi di compiere un viaggio insieme ai nostri "giovani missionari"...
Buona lettura!

8 agosto ... A CONOSCERE IL SEMINARIO

Su desiderio di don Daniele stamattina ci siamo recati al seminario di Cochabamba.

Il rettore padre Sergio è di origine italiana. Padre Sergio ci ha aiutato ad entrare ancora un po' nella vita e nel pensiero del popolo boliviano. Con simpatia e spigliatezza ha saputo far sintesi di tante realtà incontrate.

Qui il seminario è completamente diverso rispetto a quello da noi conosciuto: essere saderdote in Bolivia vuol dire essere pastore di 30.000 fedeli e più in una realtà molto difficile.

Del seminario abbiamo visto la cucina, il comedor (sala da pranzo), i giardini con i conigli, gli uccellini e i pappagalli, l'orto e la piscina. Tutto questo viene curato dai seminaristi per fare in modo che possano abituarsi a servire e non a essere serviti.

Della struttura abbiamo potuto ammirare lo studio e la graziosa cappella nella quale abbiamo detto una preghiera per il popolo boliviano.

Padre Sergio ci ha spiegato come l'edificio non sia adibito solo a seminario, ma ospiti anche ragazzi universitari e gruppi di passaggio di diverse comunità. In questo modo i seminaristi imparano l'apertura verso l'altro e cosa significa stare in comunità.

 undefined

 undefined

 undefined

undefined

undefined

 

 

 

7 agosto ... FESTEGGIAMENTI

Anche se siamo rientrati alle 7 di stamattina noi non ci fermiamo mai!

Alle 11 eravamo alla casa de Los Niños per partecipare insieme alla comunità presente alla Santa Messa in ricordo di defunti significativi per questa realtà.

A pranzo abbiamo sperimentato una specialità boliviana: il pollo cotto sotto terra dalle nostre suore rosarie. 

E poi..pomeriggio di festa all'Hogar di Sacaba! Poiché era la nostra ultima visita!

Abbiamo celebrato l'Eucarestia con le bambine e le ragazze per poi darci al... gioco! Insieme ci siamo divertiti fra football, basket, bans italiani e musiche tradizionali boliviane.
Una ricca merenda ci ha permesso di condividere un ulteriore momento insieme dove abbiamo potuto donare loro dei giochi. A malincuore poi abbiamo abbracciato ognuna di loro nella speranza di rivederci un giorno!

 

undefined

undefined

undefined

  

 

 

WEEKEND DA TURISTI ... 5 - 6 agosto

...anche noi volontari ci siamo concessi un weekend da turisti...

La nostra meta: il Salar!

Venerdì sera abbiamo preso una corriera da Cochabamba e sabato mattina siamo arrivati nella città di Uyuni. Dopo una breve colazione siamo subito partiti per la nostra avventura.

Nella giornata di sabato abbiamo visitato il salar, il deserto di sale più grande al mondo. Quanto piccoli ci siamo sentiti di fronte a quell'infinita distesa bianca!

Ci siamo meravigliati di fronte alle bellezze della natura, il paesaggio era vario e abbiamo incontrato specie di animali mai viste prima come i lama, gli alpaca, gli struzzi, le volpi e i fenicotteri.

Per la notte abbiamo raggiunto la laguna colorada dove ci siamo fermati in un essenziale rifugio.

Verso le 5 di domenica mattina siamo partiti per ammirare i colori dell'alba e i famosi geyser. Dopo esserci soffermati a fotografare la laguna bianca e verde, alcuni di noi hanno sperimentato le calde acque termali del parco.

Per l'ora di pranzo era per noi in programma un pic nic in mezzo alla natura, concludendo la nostra avventura nel cimitero dei treni.

Dopo una nottata di viaggio, possiamo finalmente scrivervi da casa sani e salvi!

 

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

 

 

4 agosto ... CONDORIRI, GIORNATA AD ALTA QUOTA

Questa mattina siamo partiti verso una meta cara alla nostra parrocchia: la comunità di Condoriri. 

Superati i 4000 metri di altitudine siamo stati accolti affettuosamente dai bambini della scuola, accompagnati dai due maestri, il catechista e alcune persone del popolo, con festosi canti in Quechua. Così abbiamo avuto modo di vedere con i nostri occhi la Capella in costruzione che fra circa due mesi sarà ultimata. Per noi è stato emozionante vedere l'opera che la nostra comunità ha finanziato e così questo popolo potrà lodare il Signore e incontrarsi in un luogo accogliente e dignitoso.

L'accogliente comunità ci ha offerto un ricco spuntino a base di patate e uova sode, assaggiando così le patate cotte sotto terra.

Abbiamo potuto far visita anche alla famiglia di Suor Brigida, é stato per noi molto significativo l'incontro con loro! Gente semplice, accogliente, disponibile ... che ringraziamo per il dono della vita della nostra cara Brigida. 


Adesso ci stiamo preparando per il nostro week-end!

 

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

 

2 -3 agosto ...

Ieri mercoledì 2agosto ci siamo recati alla cancha di Cochabamba per comprare il materiale scolastico da portare a Condoriri. Dove si sta costruendo una capella grazie al denaro raccolto dalla comunità di Codroipo. Girovagando fra le molte bancarelle abbiamo acquistato palloni da gioco, quadretti da disegno, matite, acrilici e pennelli. Non sono mancate le compere di maglioni, cappelli, calzini e guanti in vista della nostra uscita fuori porta del weekend!

Dopo pranzo ci siamo ritagliati dei momenti per la nostra riflessione personale che abbiamo condiviso insieme giovedì mattina. Ricercando emozioni, parole e colori ci siamo confrontati come gruppo rendendoci conto di aver fatto in realtà due viaggi: uno in Bolivia e l'altro come "famiglia".

Per l'ora di pranzo abbiamo raggiunto padre Oscar per visitare le tante attività parrocchiali che lui segue. Qui abbiamo mangiato con i bambini del comedor, studiato con gli alunni del doposcuola, imparato a tagliare i capelli nella scuola di pelucheria e utilizzato i computer. Di queste realtà ci ha molto colpito l'attenzione per gli aspetti educativi, sociali, di igiene e di riabilitazione per le persone in difficoltà.

 

... Vergine del Carmelo ...

 undefined

 ... vestiti per i balli della festa dell'indipendenza boliviana

undefined

undefined

undefined

 

 ... la realtà di padre Oscar ...

undefined

undefined

 undefined

 undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

 undefined

undefined

undefined

undefined

 

1 luglio ... KINDER ANCHE NOI

Abbiamo iniziato il nostro agosto boliviano tra i bambini nel centro educativo di mollemolle. Questa struttura è stata voluta dalle Suore Rosarie che hanno contribuito alla sua costruzione e funge da " Kinder". Questo è il nome che qui in Bolivia danno alla scuola che accoglie bambini dai 18 mesi ai 5 anni, ma quello di Mollemolle è speciale! A differenza delle altre scuole qui i bambini possono imparare giocando con mille canzoni, cartelloni e colori.. Una delle cose che ci ha colpito di più è stata la cura delle maestre nei confronti dei bambini: oltre all'aspetto educativo loro danno importanza all'igiene personale e alla nutrizione. Questo Kinder è il migliore in Bolivia tanto che i genitori all' inizio dell'anno scolastico fanno la fila alle 4.00 del mattino per iscrivere i propri figli! In ogni classe siamo stati rapiti dalla loro vivacità e simpatia poiché le loro voci ci hanno coinvolto nella loro lezione.
Nel pomeriggio, accompagnati dalle suore siamo stati in visita al Monte dell'apparizione a Urcupiña e dopo una breve gita al mercato abbiamo partecipato alla Santa messa delle ore 19.00 al Santuario. Questo era adornato a festa con molti fiori, luci e colori in vista delle celebrazioni del 14-15-16: agosto, tre giorni di festa per la Vergine di Urcupiña

 

 

 

... al centro educativo "Virgen del Rosario" di Molle Molle

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

 

 

... a Urcupiña ...

undefined

undefined

undefined

undefined

undefined

 

 

... al santuario di Urcupiña ...

undefined

undefined

undefined

undefined

 

... cena con l'assaggio dell'"Apis"

undefined

 

Discussioni più recenti → Home ← Discussioni più vecchie